Artigiani, accordo innovativo

Artigiani, accordo innovativo

Artigiani, accordo innovativo

Le Associazioni Artigiane e i Sindacati Confederali dei lavoratori dell’Emilia–Romagna hanno sottoscritto, mercoledì 27 settembre 2017, un importante accordo che darà vita ad un sistema di welfare generalizzato rivolto ai lavoratori del comparto artigiano.

L’accordo prevede un forte rilancio della contrattazione regionale e del welfare contrattuale di bilateralità attraverso un incremento delle prestazioni per i lavoratori, un consolidamento delle prestazioni per le imprese che fanno investimenti e un rafforzamento delle giornate disponibili per sostenere il reddito dei lavoratori in caso di sospensioni dettate da crisi aziendali. La sperimentazione, avviata attraverso l’Ente Bilaterale, trova con l’Accordo Interconfederale siglato oggi un consolidamento e uno sviluppo importante. In particolare verranno confermate le prestazioni a sostegno della famiglia e ne verranno aggiunte altre per ampliare lo spettro e rispondere ad una platea più ampia di utenza. La struttura dell’intesa è fortemente innovativa e crea un nuovo modello di riferimento per il sostegno del reddito dei lavoratori anche attraverso la creazione di un Fondo mutualistico che risponde alle mutate esigenze di lavoratori e imprese attraverso il welfare contrattuale di bilateralità.  

Le parti hanno scelto sia di potenziare la bilateralità artigiana legandola più intensamente allo sviluppo della contrattazione, sia di rilanciare la contrattazione di categoria e la redistribuzione del reddito secondo principi che valorizzano gli incrementi di produttività e permettono la detassazione dei premi di risultato riconosciuti ai lavoratori.

CGIL, CISL, UIL e CNA, Confartigianato, Casartigiani, CLAAI, mettono in evidenza come questo accordo per l’artigianato sia in sintonia con gli obiettivi di costruire un nuovo modello di sviluppo e una nuova coesione sociale perseguiti dal Patto per il lavoro della Regione Emilia-Romagna, documento programmatico sottoscritto da tutte organizzazioni firmatarie dell’accordo.