BANDO PER IL SOSTEGNO DELLA TRANSIZIONE DIGITALE

ENTE FINANZIATORE                  REGIONE EMILIA ROMAGNA(plafond 25milioni)

FINALITA’   Favorire la transizione digitale delle imprese dell’Emilia-Romagna, tramite il sostegno alla realizzazione di progetti innovativi finalizzati all’introduzione delle più moderne tecnologie digitali nei processi produttivi e organizzativi, nei prodotti e servizi, nelle catene di distribuzione e vendita, nelle relazioni con i diversi attori delle catene del valore e delle filiere di appartenenza e nei sistemi di comunicazione.

 

BENEFICIARI Imprese PMI :

- aventi qualunque forma giuridica, operanti in tutti i settori di attività economica, tra i quali quello manifatturiero, del commercio, del turismo e dei servizi, ad esclusione dell’agricoltura

- sede dell’investimento in regione Emilia Romagna

 

INTERVENTI E  DIMENSIONE  MINIMA DEGLI   INVESTIMENTI         Interventi finalizzati alla trasformazione tecnologica e digitale dei processi produttivi e organizzativi aziendali e dei prodotti, con particolare riferimento all’implementazione di soluzioni digitali nelle catene logistiche, di fornitura, vendita e distribuzione di beni, nei processi di erogazione dei servizi, nei sistemi di comunicazione e di marketing.

                                                                           Gli Interventi devono:

  • essere realizzati per implementare soluzioni tecnologiche digitali nei processi interni all’impresa proponente il progetto o soluzioni tecnologiche digitali di filiera, con particolare riguardo a quelle riguardanti le specializzazioni produttive previste nella “Strategia di ricerca e innovazione per la specializzazione intelligente 2021/2027” (S3);

     Potranno riguardare:

  • DIGITALIZZAZIONE BASE: implementazione di soluzioni tecnologiche finalizzate a favorire un primo passo verso l’ottimizzazione delle funzioni aziendali, compreso e-commerce. Avanzamento tecnologico fino al livello 2 della scala Acatech.
  • DIGITALIZZAZIONE  AVANZATA: introduzione/implementazione di almeno una delle 9 tecnologie abilitanti previste dal piano nazionale impresa 4.0 (Internet delle cose, Big data analytics, Integrazione orizzontale e verticale dei sistemi, Simulazioni virtuali, Robotica, Cloud computing, Realtà aumentata, Stampanti 3d, Cybersecurity, compreso l’adattamento di impianti esistenti ad almeno una delle suddette tecnologie. Avanzamento tecnologico dal livello 3 al 6 della scala Acatech.

ENTITA’ CONTRIBUTO           Fondo perduto pari al 40% delle spese ammissibili

                                                 Incremento contributo del 5% se ricorra una o più delle seguenti ipotesi:

  1.  ricaduta positiva sull’occupazione dell’impresa proponente in termini di acquisizione di nuove competenze nel settore dell’ICT o dell’organizzazione aziendale
  2. impresa femminile e/o giovanile
  3. rating di legalità;
  4. localizzazione dell’impresa in aree montane e aree interne o in aree 107.3.c
  5. Contributo MAX euro 150.000,00
  6. Spesa MINIMA progetto euro 20.000,00
  7. Contributi concessi in REGIME DE MINIMIS
  8. Contributi cumulabili con altre agevolazioni pubbliche

 

PERIODO SVOLGIMENTO PROGETTI         I costi e i progetti devono riferirsi ad attività svolte entro le seguenti date: dal 1° luglio 2022 (inizio progetto) al 31 dicembre 2023 (fine progetto).

 

SPESE AMMISSIBILI:                                              

  1. Acquisizione di strumenti, attrezzature, macchinari, hardware, software e servizi erogati nella soluzione cloud computing e SAAS (Software as a Service);
  2. Realizzazione di piccoli interventi edili, murari e di arredo, strettamente collegati e funzionali all’installazione di strumenti, macchinari e attrezzature. Tale spesa è riconosciuta nella misura massima del 10% della voce A) (max. 10.000);
  3. Acquisizione di consulenze specialistiche legate all’implementazione dei processi oggetto di intervento. Tale spesa è riconosciuta nella misura massima del 30% della somma delle voci A) e B) (max. 20.000);
  4. Costi generali per la definizione e gestione del progetto, compreso l’addestramento del personale per l’acquisizione delle nuove competenze richieste. Tale spesa è riconosciuta applicando, ai sensi dell’articolo 54, comma 1, lettera a) del Regolamento (UE) 2021/1060, un tasso forfettario pari al 5% della somma delle voci precedenti (spesa da non rendicontare)

Eleggibilità della spesa (1/7/22 – 31/12/23). Le spese si intendono iva esclusa

 

TERMINI DI PRESENTAZIONE   DELLE DOMANDE      Inviate alla Regione esclusivamente per via telematica, tramite apposito applicativo:   

- dalle ore 10.00 del giorno 13 settembre 2022 alle ore 13.00 del giorno 20 settembre 2022 per progetti accompagnati dalla dichiarazione che la spesa sarà sostenuta per almeno il 20% nell’anno 2022.

 

- dalle ore 10.00 del giorno 21 settembre 2022 alle ore 13.00 del 20 ottobre 2022 per progetti senza vincolo di spesa nell’anno 2022.

                                                                                 

LEGGI QUI la scheda di sintesi>>>