Contenimento della diffusione del COVID – 19 nei cantieri edili

Contenimento della diffusione del COVID – 19 nei cantieri edili

Contenimento della diffusione del COVID – 19 nei cantieri edili

In data 24 Marzo 2020 le organizzazioni nazionali rappresentative delle Associazioni datoriali dell’edilizia tra cui CNA Costruzioni e Feneal – UIL, Filca – CISL, Fillea – CGIL  hanno sottoscritto il Protocollo di regolamentazione per il contenimento della diffusione del COVID – 19  nei cantieri edili (vedi allegato).

Tale protocollo è siglato in attuazione dei quello sottoscritto dalle parti sociali confederali in data 14 marzo 2020, su invito del Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti e del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali.

Il Protocollo:

  • detta le regole per tutte le imprese del settore per svolgere la propria attività e gli obblighi e la regolamentazione da attuare   per rispettare le misure per il contrasto e il contenimento della diffusione del virus COVID– 19 negli ambienti di lavoro del settore.
  • ha validità, ai sensi e per gli effetti dei decreti governativi vigenti e futuri connessi alla pandemia Covid-19 in corso, fino alla durata della pandemia stessa, declina specifici adempimenti per garantire la tutela della salute e sicurezza dei lavoratori.
  • le imprese adotteranno il presente protocollo di regolamentazione all’interno dei propri cantieri e dei luoghi di lavoro, per tutelare la salute delle persone presenti all’interno dell’azienda e garantire la salubrità dell’ambiente di lavoro.

    Regolamenta:
  • il ruolo dell’ impresa nell’informazione ai lavoratori, le modalità di accesso in azienda anche per le imprese fornitrici e subappaltatrici, le precauzioni igieniche, la pulizia e la sanificazione, i dispositivi di protezione individuale, l’ organizzazione aziendale e  la gestione degli accessi, la formazione, la gestione di una persona sintomatica, il medico competente e RLST.
  • Tipizzazione, relativamente alle attività di cantiere, delle ipotesi di esclusione della responsabilità del debitore, anche all’ applicazione di eventuali decadenze o penali connesse a ritardati o omessi adempimenti – ruolo del coordinatore per la sicurezza nell'esecuzione dei lavori che ha redatto l’integrazione del Piano di sicurezza e di coordinamento.

Scarica qui il protocollo>>>