E’ prevista la pubblicazione da parte della Regione Emilia Romagna di nuovi bandi che offrono contributi a fondo perduto per le attività d’impresa e professionali insediate o che intendono insediarsi nei territori dei Comuni colpiti dal sisma del 2012.La finalità è favorire la rivitalizzazione dei Comuni colpiti dal sisma del 2012, incentivando l’insediamento, il recupero, la riqualificazione e l’ampliamento di nuove attività economiche e di quelle già presenti ed anche di attività professionali e del no profit.

Il bando, di prossima uscita,  “per la rivitalizzazione dei centri storici nei comuni più colpiti dagli eventi sismici del 2012” (per la provincia di Bologna i Comuni di: San Giovanni in Persiceto, Crevalcore, Pieve di Cento, Galliera) sarà rivolto primariamente alle Micro, Piccole e Medie imprese di ogni settore di attività economica ed ai liberi professionisti, sia ordinistici che non ordinistici, già presenti o che intendono localizzarsi nelle aree territoriali di questi Comuni interessate dal bando.

I Progetti di investimento devono prevedere interventi finalizzati all’insediamento di nuove attività in immobili localizzati nelle aree dei centri storici o delle frazioni individuate di questi Comuni o la riqualificazione di attività attualmente già operanti nelle aree di questi centri colpiti dal sisma.

Il contributo è a fondo perduto, in regime de minimis, nella misura pari al 70% (incrementabile di un ulteriore 10% in caso di rilevanza della presenza femminile e/o giovanile o di possesso del rating di legalità), fino ad un massimo di € 150.000.

Le spese ammissibili sono: acquisto di macchinari, impianti, attrezzature, arredi; hardware software, servizi di cloud computing, realizzazione siti internet ed e-commerce; mezzi di trasporto elettrici strumentali all’attività; spese per opere edili ed impiantistiche strettamente connesse con l’attività che si intende svolgere; servizi di consulenza specializzata e di progettazione ; spese promozionali correlate all’investimento e direttamente necessarie alla realizzazione del progetto.

Si potrà partecipare al bando per progetti di investimento avviati dal 1° gennaio 2019 in avanti, la cui dimensione minima di spesa sia almeno pari a 10.000 euro. La partecipazione al Bando è prevista con la modalità “a sportello” ovvero si terrà conto in primis dell’ordine di presentazione delle domande.  Per la presentazione delle domande sono previste 3 Call di apertura.

Il contributo verrà erogato all’impresa richiedente ammessa all’agevolazione, ad ultimazione del progetto di investimenti e delle spese, dietro presentazione di apposito rendiconto.

In oltre è prevista l’uscita di altri 2 Bandi, che offriranno contributi a fondo perduto per:

  • sostenere ed incentivare progetti di ricerca sperimentale promosse da Piccole e Medie imprese localizzate in queste zone territoriali, operanti nelle filiere coinvolte dagli eventi del sisma 2012;
  • sostenere l’avvio di nuove imprese innovative (Start-up innovative) ed il loro consolidamento nei comuni più colpiti dal sisma 2012, per promuovere il rafforzamento dell’ecosistema locale e la diversificazione produttiva.
Per approfondimenti: serfina@serfina.net; tel. 051-370107
C.F. 80040250377