Legge di Bilancio imprese

Tutte le novità per le imprese: si parte dalla vittoria targata Cna sulla completa deducibilità dell’Imu a partire dal 2022. Altre novità riguardano il super e l’iper ammortamento che diventano crediti di imposta, i nuovi vincoli per accedere al regime forfettario, la reintroduzione dell’ace, la revisione strutturale delle tariffe Inail, ecc...

DEDUCIBILITA' IMU 

Duplice intervento in materia di deducibilità IMU. In primo luogo, viene confermata - per il periodo di imposta 2019 la deducibilità al 50%, dal reddito di impresa e di lavoro autonomo, dell’IMU relativa agli immobili strumentali.

Dal 2020 è stato abolito il tributo per servizi indivisibili (Tasi) mentre viene modificata la disciplina dell’imposta municipale propria (Imu).

APPROFONDISCI>>>


REGIME FORFETARIO

Sono apportate importanti modifiche alla disciplina del regime fiscale forfetario, in modo particolare per quanto riguarda le condizioni di accesso/permanenza e le cause di esclusione.

APPROFONDISCI>>>


INCENTIVI FISCALI ACQUISIZIONE DI BENI STRUMENTALI 

È introdotto un nuovo credito d’imposta per le spese sostenute a titolo di investimento in beni strumentali nuovi inquadrabile nel progetto di revisione delle misure fiscali del “Piano industria 4.0”.
Beneficiari: Possono beneficiare del credito d’imposta le imprese che effettuano investimenti in beni strumentali nuovi, destinati a strutture produttive ubicate in Italia.

APPROFONDISCI>>>


NUOVO CREDITO DI IMPOSTA GREEN

È introdotto, dal 2020, un “nuovo” credito d’imposta per investimenti in ricerca e sviluppo, transizione ecologica, innovazione tecnologica 4.0 ed in altre attività innovative a supporto della competitività delle imprese. Questo sostituisce il credito di imposta per investimenti in ricerca e sviluppo che pertanto è cessato lo scorso 31/12/2019.


CREDITO DI IMPOSTA PER LA FORMAZIONE 4.0

Viene prorogato l’incentivo alla formazione del personale dipendente nelle tecnologie previste dal “Piano impresa 4.0”, ma con qualche novità rispetto al passato.

In primo luogo, si rileva che il credito d’imposta previsto per il periodo d’imposta 2019 sarà fruibile anche in riferimento ai costi sostenuti 2020. Alcune modifiche riguardano l’intensità del beneficio.

APPROFONDISCI>>>


INCENTIVO PER LA PATRIMONIALIZZAZIONE DELLE IMPRESE

A decorrere dal 2019 viene ripristinata l’Aiuto alla Crescita Economica (ACE) con rendimento nozionale pari all’1,3%.

Questo incentivo si applicherà secondo le modalità già conosciute.


CREDITO DI IMPOSTA PMI PER LA PARTECIPAZIONE A MANIFESTAZIONI INTERNAZIONALI DI SETTORE

È prorogato anche per il 2020 il credito d’imposta per le spese sostenute per la partecipazione a manifestazioni fieristiche internazionali di settore.
Il credito d'imposta è pari al 30% delle spese sostenute fino ad un massimo di 60.000€.

Il credito d'imposta è riconosciuto fino all'esaurimento dell'importo massimo stanziato dallo Stato pari a 5 milioni per l'anno 2020.


CREDITO DI IMPOSTA EDICOLE

Nel 2020 il credito di imposta in oggetto si applica anche a favore degli esercenti attività commerciale non esclusivamente rivolta alla vendita della stampa quotidiana e periodica, anche qualora tale attività non rappresenti l’unico punto di vendita al dettaglio di giornali, riviste e periodici nel Comune di riferimento.


ACCISA GASOLIO CARBURANTE

A decorrere dal 1/10/2020 il beneficio in oggetto non sarà riconosciuto per il gasolio consumato dai veicoli di categoria Euro 3 o inferiori, dal 2021 Euro 4 o inferiori.


FRINGE BENEFIT AUTO AZIENDALI

Viene confermata la deducibilità dei costi nella misura del 70% in capo all’azienda che concede l’auto in uso promiscuo al dipendente.

Per il dipendente cambierà la tassazione del reddito di lavoro differenziandola in ragione dei relativi valori di emissione di anidride carbonica (CO2), per cui all'aumentare delle stesse aumenta anche il reddito di lavoro e, a parità di condizioni, la relativa imposta.

APPROFONDISCI>>>


IMPOSTA SUL CONSUMO DEI MANUFATTI IN PLASTICA CON SINGOLO IMPIEGO E INCENTIVI PER LE IMPRESE

È istituita una imposta sul consumo di manufatti in plastica con singolo impiego destinati al contenimento, protezione, manipolazione o consegna di merci o di prodotti alimentari, ad esclusione dei manufatti compostabili, dei dispositivi medici e quelli adibiti a contenere e proteggere medicinali.

L’imposta è pari a 0,45 euro per chilogrammo di materia plastica contenuta nei manufatti.

APPROFONDISCI>>>


IMPOSTA DI CONSUMO SUI PRODOTTI ACCESSORI AL CONSUMO DEI TABACCHI DA FUMO

È introdotta una nuova imposta di consumo gravante sui prodotti accessori al consumo dei tabacchi da fumo, ovvero filtri e cartine, nella misura di 0,0036 € il pezzo.

APPROFONDISCI>>>


IMPOSTA SUL CONSUMO DI BEVANDE CON ZUCCHERI AGGIUNTI

È istituita un'imposta sul consumo di bevande analcoliche che contengono dolcificanti aggiunti di qualunque origine (“sugar tax”) nella misura di:

10 € per ettolitro nel caso di prodotti finiti;
0,25 € per chilogrammo nel caso di prodotti predisposti a essere utilizzati previa diluizione.

APPROFONDISCI>>>


ESTROMISSIONE DEI BENI IMMOBILI IMPRESE INDIVIDUALI

Anche per l’anno 2020 ci sarà la possibilità di estromettere, dal patrimonio dell'impresa individuale, i beni immobili strumentali posseduti alla data del 31 ottobre 2019.

In particolare, l’estromissione si applica a quelle poste in essere dal 1° gennaio al 31 maggio 2020. Si applica un'imposta sostitutiva di Irpef e Irap con aliquota dell'8%.

È possibile versare l'imposta sostitutiva in 2 rate con scadenza, rispettivamente, il 30 novembre 2020 (60% dell'imposta dovuta) e il 30 giugno 2021 (40%).

In ogni caso, gli effetti dell'estromissione decorrono dal 1° gennaio 2020.


RIVALUTAZIONE DEI BENI

La rivalutazione è consentita per

Terreni e partecipazioni detenuti da Persone Fisiche  
Plusvalenze immobiliari
Rivalutazione Beni d’impresa e partecipazioni

APPROFONDISCI>>>


MODIFICHE ALL'AMBITO SOGGETTIVO DI IVIE E AVAFE

Viene esteso l'ambito di applicazione dell'imposta sul valore degli immobili situati all'estero (IVIE) e dell'imposta sul valore delle attività finanziarie detenute all'estero (IVAFE) stabilendo che, a decorrere dal 2020, saranno soggetti passivi di tali imposte, oltre alle persone fisiche, anche gli enti non commerciali e le società semplici, in nome collettivo e in accomandita semplice, residenti in Italia, che sono tenuti agli obblighi di dichiarazione.


RIDUZIONE DELLE TARIFFE INAIL

La revisione delle tariffe dei premi assicurativi INAIL in vigore dal 1.01.2019, viene resa strutturale attraverso l’estensione anche all'anno 2022 dell'applicazione del meccanismo di riduzione dei premi già previsto sia per gli anni 2019-2021 sia per gli anni 2023 e successivi.


CONGEDO OBBLIGATORIO DI PATERNITA'

Il congedo obbligatorio di paternità che spetta al padre lavoratore dipendente, viene confermato anche per l’anno 2020, elevandone la durata da cinque a sette giorni. Si ricorda che il suddetto congedo deve essere goduto, anche in via non continuativa, entro i cinque mesi dalla nascita del figlio.

Inoltre, si dispone che anche per il 2020 il padre lavoratore dipendente, possa astenersi per un ulteriore giorno di congedo in accordo con la madre e in sua sostituzione in relazione al periodo di astensione obbligatoria spettante a quest’ultima.


BUONI PASTO AZIENDALI

La disposizione modifica le soglie di esclusione dal reddito di lavoro dipendente del valore dei buoni pasto erogati dal datore di lavoro (art. 51, co. 1, lett. c), T.U.I.R.); tali soglie, dal periodo d’imposta 2020, saranno:

ridotte a 4 euro, in luogo dei precedenti 5,29 euro, per i buoni cartacei;
ma incrementate a 8 euro, in luogo dei precedenti 7 euro, per i buoni di tipo elettronico.  

APPROFONDISCI>>>

C.F. 80040250377