Reagire all'emergenza

Coronavirus, come si può reagire a questa emergenza? Quali le strategie associative, le scelte imprenditoriali, le decisioni istituzionali che si possono prendere o sono già state prese. Quali nuovi servizi e prodotti stanno realizzando le imprese.

A tutte queste domande rispondono le interviste realizzate da Cna Bologna che trovate raccolte in questa pagina.

eco-Logiko, il packaging intelligente che fa saltare il tappo di plastica  
Smart, funzionale e rispettoso dell’ambiente: eco-Logiko. Si leggono già tutti nel nome (ben pensato) i punti di forza del packaging “plastic free” brevettato da Arti Grafiche Reggiani, da anni punto di riferimento nel settore della cartotecnica per i principali marchi nazionali dell’agroalimentare e della cosmetica.
Leggi tutto l’articolo>>>

 

Con L’arte della pasta neanche il Covid ferma il re Tortellino
Non si sono mai fermati i tortellini da premio che ogni giorno escono dal laboratorio de L’arte della pasta.
Neppure il Covid è riuscito a interrompere il dorato e profumato flusso del più pregiato e omaggiato prodotto della cucina bolognese che, nella versione creata e preparata con amore per la tradizione e attenzione all’innovazione, dai tre soci dell’azienda di pasta di fresca di Minerbio, scorre verso ristoranti e boutique del cibo del centro di Bologna e (lungo i canali della distribuzione d’alta fascia) di altre grandi città italiane e metropoli come Londra.
Leggi tutta l’intervista>>>
 

“Impiantisti sempre in attività”.  Intervista ad Alessandro Diolaiti, Vicepresidente Cna Bologna
Alessandro Diolaiti
, impiantista e Vicepresidente Cna Bologna: “Siamo sempre stati aperti, i primi mesi siamo intervenuti solo per le emergenze e i pronti interventi. Adesso il mercato è ripartito. E’ molto interessante l’app di Cna Bologna e Moima ‘Per me Per Noi’: agli impiantisti potrebbe essere utile uno strumento in cui mettere in vetrina le proprie eccellenze e potere ricevere le prenotazioni digitalmente”.
Guarda tutta l'intervista >>>


“Autoriparatori in difficoltà. Ma adesso stiamo ripartendo”. Intervista a Carrozzeria Villanova
Luca Tosi
: “Siamo sempre stati aperti ma per tre mesi le auto non hanno girato e le officine di autoriparazione ne hanno risentito. Avevano chiuso le revisioni, anche grazie a Cna sono ripartite e abbiamo avuto subito tanti clienti, adesso ci stiamo assestando. Certamente i fatturati di quest’anno sono peggiori dello scorso anno. Finalmente il mercato è ripartito anche se non con tanta decisione: sono aumentati gli interventi obbligatori, meglio i gommisti, le carrozzerie più in difficoltà”.
Guarda tutta l’intervista>>>

 

My Space, quando l’innovazione e la professionalità sono da premio  
“Quando è arrivata la telefonata che ci comunicava che eravamo invitate a Villa Orsi per ricevere il premio di 3.000 euro, ci siamo sentite molto orgogliose e riconoscenti. Essere scelte da un’associazione come il Club Soroptimist, così prestigiosa e soprattutto formata da donne importanti, imprenditrici, professioniste, scienziate e artiste, è stata davvero una grande soddisfazione e uno stimolo a proseguire con ancora più entusiasmo nel nostro lavoro”. Tetyana Trachuk, 43 anni, fondatrice e titolare dal 2016 del salone di acconciatura “My Space” di via Spartaco 6/a, insieme alla socia Rossella Balzano, ricorda così il momento più bello di un anno che con l’arrivo del Covid 19 si annunciava molto difficile.
Leggi tutto l’articolo>>>
 

“Per gli allestitori di fiere la Fase 2 non è mai cominciata”.  Intervista ad Area 7 Design
Paola Martino
: “L’ultima fiera l’abbiamo allestita in febbraio a Berlino, da allora non abbiamo più fatto nulla, per noi la Fase 1 non è mai finita. Come noi in Italia altre 350 aziende, abbiamo costituito il gruppo nazionale Allestitori Si Nasce. Chiediamo che i fondi per le Fiere siano a disposizione anche delle aziende come la nostra, un prolungamento degli ammortizzatori sociali, incentivi ai clienti che vogliono partecipare a fiere”. Antonella Galletti: “Fare fiere virtuali non funziona”.
Guarda tutta l’intervista>>>


Kairos, il momento giusto per il sanificatore anti Covid 19  
Kairos, antica parola greca, fertile di significati, che in italiano si può tradurre “momento giusto”, è il anche il nome del nuovo sanificatore e diffusore di essenze progettato e prodotto da Daniele Zamboni, fondatore e Amministratore unico dell’azienda bolognese Emhealia. Quarant’anni, una formazione eclettica che intreccia la composizione musicale con la progettazione meccanica e le neuroscienze, nel 2018 ha avviato l’attività imprenditoriale come naturale sbocco e traduzione in pratica delle sue passioni.
Leggi tutto l’articolo>>>


“Anche per le imprese dell’artistico è fondamentale che tornino i turisti
Marcella Renna
, ceramista, col suo negozio Arti Jungle in via Montegrappa 10/a: “Siamo rimasti chiusi da marzo a maggio. Abbiamo fatto vendite on line ma non era sufficiente per pareggiare il fatturato. Per fortuna quando abbiamo riaperto la vendita al dettaglio è ripartita bene. Ma è fondamentale che tornino i turisti, i loro acquisti rappresentano un terzo del fatturato. E comunque anche i social sono strategici. I miei oggetti? Rappresentano il desiderio di sognare”.
Guarda tutta l’intervista>>>


Virtual Suite, l’ascensore touchless a prova di virus di Nova Elevators
Era già quasi pronto per il “lancio” e l’avvio della produzione quando è arrivato il Covid 19. Vocal Suite, il nuovo ascensore ipertecnologico di Nova Elevators interamente azionabile con comando vocale e quindi touchless. “Nessun contatto con i pulsanti. Semplice e risolutivo. Mani assolutamente libere per fare cose più importanti”. Come spiega Fabrizio Nicoli, Amministratore delegato e socio dell’impresa, parafrasando quello che è diventato il claim del prodotto.
“Quando l’epidemia è esplosa anche in Italia – prosegue – rientrando nei codici Ateco a cui era consentito proseguire l’attività, eravamo davvero agli ultimi passaggi. Vocal Suite non era stato pensato per il virus ma, naturalmente, le sue caratteristiche principali lo rendevano straordinariamente adatto alla nuova situazione”.
Leggi tutto l’articolo>>>


“Qualità, delivery, on line: così vince il negozio di vicinato”. Franco Marinelli, Fermata del Gusto
Franco Marinelli, Fermata del Gusto
: “Con Simona Bonafè per la nostra bottega di via Saragozza abbiamo puntato sulla qualità della gastronomia: macelleria, formaggi, vini da produttori selezionati.
Durante il lockdown abbiamo puntato su consegne a domicilio e presenza su piattaforme digitali. Tanti nuovi clienti di cui non conosciamo ancora il volto, vorremmo che venissero a brindare con noi in bottega. Abbiamo consegnato anche prodotti diversi ma utili, come fa un vero negozio di vicinato”
Guarda tutta l’intervista>>>


Enne Vu, quando ricerca e know how valgono 150mila mascherine 
Erano i primi giorni di marzo, i più terribili. Il Covid 19 stava dilagando nell’Italia settentrionale e iniziavano a scarseggiare i dispositivi di protezione individuale. “Stavamo guardando la televisione con mio padre – ricorda Rita Facchini, Responsabile Area commerciale della Enne Vu, storica azienda di Anzola Emilia, produttrice di abbigliamento per lavoro  – e stavamo pensando cosa potevamo fare per rispondere a quel bisogno. In quel periodo eravamo aperti perché rientravano nell’elenco di codici Ateco a cui era stato consentito di proseguire l’attività e ci è venuto in mente che diversi anni prima avevamo un cliente che faceva materiali per le sale operatorie, incluse le mascherine. E così, dopo averci riflettuto, quella sera stessa abbiamo deciso che eravamo attrezzati per provarci”. A partire dai giorni successivi inizia il percorso che porterà l’impresa a produrre nei due mesi successivi circa 150.000 mascherine chirurgiche di tipo 1. Lavabili e utilizzabili sino a dieci volte.
Leggi tutto l’articolo>>>


“Patto tra generazioni perché cresca il volontariato” Marco Lombardo, Assessore Politiche Terzo Settore. 
Marco Lombardo, Assessore Comune di Bologna
: “Sono stati tanti i giovani volontari impegnati durante l’emergenza Covid, importante che nasca un patto tra generazioni in cui chi ha esperienza, come i volontari di Cna Pensionati, possano trasmetterla ai più giovani. Nel Terzo Settore ogni euro investito ne fa realizzare sette, è un segnale per le imprese orientate al welfare. Importante che Cna Impresa Sensibile onlus abbia un progetto sui disabili, tra i più colpiti dal lockdown del coronavirus”.
Guarda l’intervista>>>


“I nostri distanziatori in plexiglass. Sempre d’arredo e su misura”. Giulio Lacamera, Poliedrici
Giulio Lacamera, azienda Poliedrici
: “Produciamo allestimenti d’arredo e su misura. Ora usiamo lo stesso stile anche per i distanziatori in plexiglass para-fiato in vendita alle aziende che devono rispettare i protocolli di sicurezza anticoronavirus. Molti clienti sono gli stessi di prima a cui ora proponiamo i nuovi prodotti, molti sono nuovi. Con questa nuova linea abbiamo ridotto il calo di fatturato causato dall’assenza di eventi e soprattutto siamo rimasti sul mercato, aperti e attivi”.
Guarda l'intervista>>>


Diario di un tempo ritrovato, da Minerva 46 modi per leggere il virus
Il tempo ritrovato
: non sarà facile trovare un titolo più appropriato (volutamente riecheggiante la Recherche di Proust) di quello che la casa editrice Minerva (per il latini la Dea della saggezza e anche degli Artigiani) ha impresso sulla copertina del suo nuovo ebook “Diario di un tempo ritrovato”, acquistabile on line sulle principali piattaforme al prezzo di 9,90 euro che andranno a sostenere la campagna “Più forti insieme” lanciata dalla “Fondazione policlinico Sant’Orsola onlus” per continuare la lotta al Covid19.
Leggi tutto l’articolo>>>


“Finalmente riaperti ma è difficile fare previsioni”. Paolo Carati Ristorante Caminetto d’Oro
Paolo Carati, titolare del Caminetto d’Oro
: “Abbiamo riaperto cento volte dopo ferie, pause natalizie e pasquali, questa è stata la più emozionante. Rispettiamo tutte le regole di sicurezza richieste. I nostri clienti non sono sprezzanti del pericolo, sono persone che vogliono riprendere a vivere. Per il futuro difficile fare stime, ogni giorno cambiano le valutazioni. Certamente adesso nella promozione vanno valorizzate le qualità di sicurezza che il locale sa offrire al cliente”.
Guarda l'intervista>>>

“Grande entusiasmo tra i nostri clienti appena riaperto”. Giovanna Cacciatori titolare di Gio Tattoo
Giovanna Cacciatori,
titolare di Gio Tattoo e Presidente Unione Benessere Cna Bologna: “Appena riaperto grande entusiasmo tra i miei clienti. Ho l’agenda piena. Però non mi faccio illusioni, fra qualche mese si sentirà un generale calo di consumi e comunque non posso prendere appuntamenti a “raffica” ma li devo tenere distanziati per potere sanificare tra un cliente e l’altro. Certamente nella promozione dobbiamo enfatizzare la sicurezza, ma noi sempre fatto. Sarà un problema per gli abusivi”.
Guarda tutta l’intervista>>>

La casina di Willy: pronti a ripartire aspettiamo i nostri bimbi
Fra gli invisibili della Fase 2 ci sono anche loro, i bambini
degli asili nido. Con l’esplosione dell’epidemia, le strutture sul territorio di Bologna sono state chiuse e da ormai tre mesi, niente amichetti, programmi educativi e giochi all’aperto. Sono chiusi in casa. Qualcuno con un genitore, che è stato costretto a rinunciare temporaneamente ad andare al lavoro. Altri, forse, dai nonni. Oppure, se la famiglia se lo può permettere, in compagnia di una baby sitter.
“Non vedo i miei bimbi da tre mesi e mi mancano moltissimo”, dice Gloria Bruni, cinquant’anni, educatrice e gestore de La casina di Willy, struttura privata della zona Arcoveggio, che fino al 24 febbraio, ospitava nelle due sedi altrettanti gruppi educativi, ciascuno di otto bambini.
Leggi tutta l’intervista>>>


“Acconciatori, finalmente ripartiamo”.  Thomas Taddia, Portavoce Acconciatori Cna Bologna
Parrucchieri, barbieri ed estetisti, finalmente si riparte. Francesco Spada su Tv Bologna ha intervistato Thomas Taddia, Portavoce Acconciatori Cna Bologna, qualche giorno prima della sospirata riapertura di lunedì 18 maggio. “Siamo pronti a riaprire e siamo in grado di garantire la salute dei nostri collaboratori e dei clienti. Dal Governo in queste settimane di chiusure forzate nessun sostegno concreto: siamo preoccupati, ma adesso intanto riapriamo le nostre attività e il resto.....”
Guarda l'intervista>>>


Raleri, design e alta tecnologia per la visiera protettiva anti Covid19
Francesco Rambaldi
con la sua Raleri di sfide ne ha vinte tante e ad alto quoziente di difficoltà. Questa volta, però, si trattava di un challenge del tutto speciale perché da battere c’erano due “avversari” temibili il tempo e, soprattutto, il Covid19. In meno di un mese il prodotto è sviluppato, prototipato, certificato e posto in produzione. Una visiera di nuova generazione che non si appanna e non si infiamma ora già in uso per il personale medico e paramedico degli ospedali italiani.
Leggi tutta l’intervista>>>


“Anche lo Smart working per reagire al Covid”. Mauro Aleotti, EOStech 
EOStech si occupa di progettazione elettronica, hardware e software. Da subito i dipendenti e collaboratori hanno lavorato in smartworking, sufficiente un pc e una vpn. Lo smartworking aiuta a ridurre l’inquinamento, limita gli spostamenti, sarà una modalità da sfruttare anche in futuro.
Però alternandola con la presenza fisica in azienda perché progettare insieme dà un valore aggiunto. La rete ha retto ma il tema della privacy, della tutela e della sicurezza dei dati, sarà il tema del futuro”.
Guarda l'intervista>>>

MuseOn, l’app che aiuta i musei a rompere l’assedio del virus
Mette in campo tutto il flusso virtuale della sua community, iThalìa, la start up innovativa bolognese che con la sua app rivoluzionaria MuseOn aiuta i musei ad attraversare il mare incerto e tempestoso del virus. 240.000 utenti, una tra le più grandi d’Europa, che dal 18 maggio potranno “visitare” anche le collezioni presenti negli edifici della rete dell’Istituzione Bologna Musei e scoprire le bellezze che custodiscono sottraendole, così, all’oblio (temporaneo ma molto insidioso) a cui rischia di condannarle il Covid19.
Leggi tutta l’intervista>>>


“Volontari, prezioso aiuto per gli anziani”. Mauro Taddia, Cna Pensionati, Volontario della Protezione Civile
Mauro Taddia, storico dirigente Cna, oggi attivo in Cna Pensionati: “Come volontari della Protezione Civile abbiamo portato a casa medicinali e altro prezioso materiale a chi non poteva uscire di casa perché in quarantena. Oggi come Cna Pensionati potremmo continuare in questa emergenza virus, aiutando gli anziani che devono restare in casa ma devono ritirare o consegnare documenti preziosi negli uffici. Penso per fare un esempio alla documentazione necessaria per il prossimo 730”.
Guarda l'intervista>>>


“Gli edili pronti a ripartire”.  Enzo Ponzio, Presidente Cna Costruzioni nazionale
“Abbiamo avuto difficoltà a reperire i dispositivi, le norme di sicurezza sono rigorose e gli scenari cambiati. Sarà una prova durissima, ma l’edilizia deve ripartire. Cna si è impegnata a sostenere le piccole imprese edili, artigiani ed autonomi. Perché è un settore trainante della nostra economia e dà lavoro a migliaia di persone nell’area metropolitana di Bologna. Non ci possiamo permettere di rischiare una nuova chiusura”.
Guarda tutta l’intervista>>>


“Col delivery abbiamo reagito al virus”.  Max Poggi, Ristorante Massimiliano Poggi cucina
“Appena chiusi ci siamo subito dedicati al delivery, un lavoro completamente nuovo per un cuoco. Noi proponiamo piatti con prodotti di qualità, ordinati su piattaforma digitale o al telefono. Il piatto del lockdown? La lasagna tradizionale.
Come sarà la riapertura? Non mi spaventa il rispetto delle norme di sicurezza e le distanze, ci adegueremo. Mi spaventa che l’80% dei consumatori avrà paura ad entrare in un luogo pubblico. Dovremo proporre nuove opportunità, comunicarle in modo nuovo”.
Guarda tutta l’intervista>>>


Taldeg,  l’arte che non si ferma nel tempo del virus
#Lartenonsiferma #Taldeg. Ha preso in parola la sfida al virus la dinamica startup bolognese il cui nome sotto le due Torri non ha bisogno di traduzione. Adottando l’hashtag che in queste settimane scorre rapido sul web e sui social, ha lanciato un progetto culturale che si è tradotto in una campagna di raccolta fondi a favore della Fondazione Sant’Orsola.
Leggi tutto l’articolo>>>


Gruppo CER,  visione e organizzazione per combattere il virus
CER Medical, del Gruppo CER, fornisce serbatoi e bombole d’ossigeno a ospedali, Rsa e 12.000 pazienti a domicilio. L’amministratore delegato Alberto Paleari spiega come si erano preparati all’emergenza Coronavirus, mettendo in campo misure di sicurezza e bonus per i dipendenti. Ed in effetti le richieste dagli ospedali si sono raddoppiate e quelle dalle Rsa sono cresciute del 25%.
Leggi tutto l’articolo>>>


Zero Epidemy Point, reparti di cura mobili anti-coronavirus 
Zeprojects srl, start up innovativa, ha progettato con altri partner ZePoint (Zero Epidemy Point): dei reparti mobili sanitari in materiale antibatterico e antivirale, montabili e smontabili. 
Utili per contrastare il Covid, possono fungere da triage per strutture sanitarie, per il riposo del personale sanitario in isolamento, come ambulatori medici, come hub di quartiere dove fare prevenzione coi tamponi. 
Hanno già ricevute offerte dall’estero. Il Ceo Francesca Di Giacomo fa parte della presidenza Cna Giovani Imprenditori Bologna.
Guarda tutta l’intervista >>>


“Più strumenti e conoscenza digitale per gli anziani”
“Più strumenti e conoscenza digitale per gli anziani”.  Questa sarà una delle priorità secondo Elena Gaggioli, Assessore alla famiglia del Comune di Bologna, intervistata da Cna Bologna. “Dobbiamo porci con forza il tema di come rendere accessibili i servizi agli anziani: servono strumenti digitali adatti e occorre insegnare loro come utilizzarli”.
“Ringrazio Cna Pensionati per quanto ha fatto a sostegno degli anziani, dimostrazione che pubblico e privato devono collaborare, di come il tessuto associativo sia molto forte”.
“Uscita scaglionata per età nella fase due? Non mi sembra la soluzione migliore”.
Guarda tutta l’intervista all’Assessore Elena Gaggioli>>>


Claudio Pazzaglia, Direttore Cna Bologna: “Artigiani pronti per la fase 2”
Francesco Spada intervista Claudio Pazzaglia, Direttore CNA: gli artigiani sono pronti per la Fase 2, ma servono aiuti concreti da parte del Governo, della Regione e dei Comuni. No a prestiti che servono solo a pagare le tasse. Non si possono fare Tavoli tecnici senza la presenza di imprenditori. Per CNA la ripartenza del 4 maggio rischia di essere solo virtuale..
Guarda l'intervista qui>>>

Moima, app per prenotare e fruire in sicurezza i servizi degli artigiani nella Fase Due
Una piattaforma digitale e una app che consente di prenotare dallo smartphone prestazioni e servizi rivolti alla comunità e offerti dalle aziende artigiane.
Moima è un progetto nato dall’incontro di due aziende di consulenza di marketing di Bologna, BIG e M2I. In grado di integrarsi utilmente per rispondere alle necessità che seguiranno con il graduale riavvio delle diverse attività nella Fase 2 dell’emergenza coronavirus.
Gli appuntamenti ad esempio potranno svolgersi garantendo più facilmente i requisiti di sicurezza in termini di distanziamento. 
Leggi tutto l’articolo >>>


Pendragon, “la scrittura come antidoto all’inquietudine”
Sarà in libreria alla fine di maggio e si intitola “#iostoacasa. Racconti dal marzo 2020”. E’ una antologia di testi scritti da persone note come il Sindaco di Bologna Virginio Merola e tantissimi anche alla prima esperienza di scrittura. Tema: come si sta vivendo l’esperienza coronavirus. Pendragon aveva invitato a mandare il proprio testo sulla pagina facebook della casa editrice. Ne ha ricevuti oltre 800, ne ha selezionati un centinaio.
Abbiamo intervistato Federica Rapini, Responsabile Ufficio stampa e Organizzazione eventi Pendragon.
Guarda l’intervista >>>


“Nessuno sarà lasciato solo”
Valerio Veronesi, Presidente Cna Bologna
Un’intervista su quanto sta facendo Cna per le sue imprese sia a livello nazionale che bolognese, le ulteriori richieste che l’Associazione sta portando con forza al Governo. E un messaggio a tutti gli associati Cna Bologna.
Guarda l’intervista>>>

C.F. 80040250377