E-fatture: proroga e opportunità

E-fatture: proroga e opportunità

E-fatture: proroga e opportunità

Come CNA aveva chiesto più volte nelle scorse settimane, il Governo ha concesso, con decreto legge 28 giugno 2018, n. 79, pubblicato in Gazzetta Ufficiale in pari data, la proroga, al 1 gennaio 2019, per l’entrata in vigore della fatturazione elettronica per la cessione di carburante ai soggetti con Partita Iva, effettuate presso gli impianti stradali di distribuzione.

Per i contribuenti soggetti passivi di imposta, per il periodo 1 luglio 2018-31 dicembre 2018, potrà essere utilizzata ancora la scheda carburante e, ove prevista, la fattura “normale” (es. autotrasportatori).

Da gennaio 2019, però, CNA ritiene necessario un ulteriore semestre di sperimentazione per un avvio graduale dei nuovi  adempimenti,  periodo nel quale dovrà essere consentito il doppio regime di fatturazione, su carta e digitale, per scongiurare anche il rischio di blocchi del sistema di interscambio dell’Agenzia delle Entrate, che renderebbero impossibile l’arrivo delle fatture a destinazione e il relativo incasso.

Nessuna proroga è invece concessa alle cessioni di carburanti non eseguite presso detti impianti stradali.

Resta fermo, quindi, dal 1 luglio 2018, l’obbligo di fattura elettronica nei confronti delle imprese che, ad esempio, che utilizzano la cisterna/pompa interna.

Nessuna proroga (obbligo dall’1 luglio 2018), inoltre,  è concessa alla fatturazione delle operazioni rese da soggetti subappaltatori e subcontraenti della filiera delle imprese nel quadro di un contratto di appalto di lavori, servizi o forniture stipulato con una amministrazione pubblica.

Quindi, la procedura per la fatturazione elettronica diventerà obbligatoria per tutte le aziende a decorrere dal 1° gennaio 2019, e, così come stabilito dalla legge di Bilancio 2018, sarà obbligatoria anche nei confronti dei privati. Per trasmettere le fatture, che dovranno essere in formato XML, sarà necessario “passare” attraverso il Sistema di Interscambio” (SDI).

Ricordiamo che, dal 1 luglio 2018, i rifornimenti di carburante effettuati nell'esercizio dell'impresa, arte o professione, dovranno avvenire tramite mezzi di pagamento tracciabili per potere operare da deducibilità del costo e la detrazione Iva del carburante stesso. Si tratta di pagamenti tracciabili quali ad esempio assegni bancari e postali, circolari e non, carte di credito, carte di debito o carte prepagate.

Cna è sempre a fianco delle imprese per potere svolgere correttamente il nuovo adempimento della fatturazione elettronica ed è pronta per supportare i clienti chiamati all’adempimento fin dal 1 luglio 2018.

A settembre, inoltre,  verranno ripresi seminari specifici, insieme ai partners tecnologici che ci affiancheranno per la parte tecnica vera e propria di invio e ricezione delle fatture elettroniche, modalità che interesserà tutte le imprese a partire  dall’ 1 gennaio 2019.

 

Per rispondere alle novità sui rifornimenti di carburante alla luce della nuova normativa, la Cna ha raggiunto un importante accordo con Italiana Petroli, società del Gruppo API, che gestisce il sistema di carte carburante IP Plus, per fornire a tutte le imprese e ai titolari di partita iva associati alla Confederazione, sconti e agevolazioni, oltre che consentire loro un sistema di tracciabilità semplice quanto efficace. Il Gruppo API, con i marchi IP, Total Erg, TE24/24, Retitalia e Giap, è il principale distributore italiano di carburanti per numero di stazioni di servizio. In oltre 5 mila punti sarà possibile sfruttare i vantaggi rivolti alle imprese associate a Cna. Cna offre a tutti i suoi associati la carta carburanti IP plus alla metà del costo di abbonamento e con uno sconto di €0,20 per ogni litro di carburante della rete Total Erg/IP rispetto al prezzo consigliato. Le forniture saranno fatturate al MIGLIOR PREZZO tra il listino di carte “Italiana Petroli” scontato e il prezzo liberamente praticato e esposto dal Gestore sulla colonnina utilizzata al momento del rifornimento presso il Punto vendita a marchio TotalErg/IP.

Inoltre l’associato avrà la fatturazione elettronica, una gestione semplificata e sicurezza imbattibile. La carta è accettata in oltre 5 mila stazioni di servizio in Italia e oltre 16 mila in 15 paesi europei. Avrai fino a 5 codici pin differenti per ogni carta che ti permetteranno di individuare facilmente vettura e conducente.  

Per maggiori informazioni si può visitare la pagina dedicata all'offerta sul sito www.servizipiu.cna.it/mobilita/carburante/gruppo-api/ 

Per aderire immediatamente all'offerta e ottenere la tua carta carburante IP plus con le agevolazioni Cna, clicca qui 

e ricordati di digitare Cna sul campo "convenzione o coupon", sarai al più presto contattato dall'agente della tua zona per maggiori informazioni e/o attivare la tua carta.